L’Istituto Spallanzani è accreditato da ENCI per il deposito e la conservazione del campione biologico e l’eventuale analisi del DNA nella specie canina.

IL DEPOSITO DEL CAMPIONE BIOLOGICO
Il deposito del campione è effettuato secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale 21203 del 8/3/2005 (allegato 3) e dalle «Norme tecniche libro genealogico del cane di razza» che all’articolo 8 recita (allegato 4):
“Il prelievo del campione di materiale biologico ed il suo invio al laboratorio riconosciuto sono obbligatori, al fine di consentire l’eventuale necessità di identificazione con analisi del DNA, per i seguenti riproduttori:
a) tutti i riproduttori da ammettere alla riproduzione selezionata (art. 10);
b) tutti gli stalloni che hanno prodotto più di 5 cucciolate;
c) tutti gli stalloni usati in inseminazione artificiale;
d) tutti gli stalloni esteri in Italia in stazione di monta;
e) i campioni di bellezza, di lavoro e riproduttori riconosciuti dall’ENCI prima dell’omologazione del titolo e che ottengano eventuali altri titoli da riportare sul certificato genealogico.”

INVIO DEI CAMPIONI E MODALITA’ DI PRELIEVO
Per avere informazioni sulla modalità di prelievo e sulla modalità di invio del campione consultare gli allegati sotto riportati. Il campione biologico deve essere sempre inviato unitamente all’allegato 2 “certificazione campione biologico CANI” debitamente compilato e firmato.

CONSEGNA DEI CAMPIONI
I campioni, unitamente all’allegato 2, possono essere consegnati secondo le seguenti modalità:
a) consegna a mano presso l’Istituto Spallanzani;
b) invio tramite il corriere GLS indicando il CODICE CLIENTE 5861 (Cremona L3);
c) invio tramite un qualunque altro corriere.

Il costo del trasporto è a carico del richiedente del deposito.

Per ulteriori informazioni scrivere: labdna@istitutospallanzani.it

SCARICA GLI ALLEGATI

Modulo richiesta genotipizzazione.
Modulo richiesta PRA prcd
Modulo richiesta parentela

Allegato 1: Indicazioni per il prelievo
Allegato 2: certificazione campione biologico CANI

Allegato 3: Decreto Ministeriale 21203 del 8/3/2005
Allegato 4: Norme tecniche libro genealogico del cane di razza